Pinacoteca di Brera

Non basta quasi una mezza giornata per vedere le 38 sale della Pinacoteca di Brera
Pinacoteca di Brera

Non perdere la collezione di capolavori d’arte a Milano

Non basta quasi una mezza giornata per vedere le 38 sale della Pinacoteca di Brera, tra i musei più importanti d’Italia, con la sua impressionante collezione di capolavori dal primo Rinascimento all’800, molti dei quali strappati a Venezia da Napoleone. E proprio la statua dell’imperatore scolpito come un semidio da Canova troneggia al centro del cortile, da cui si accede all’Accademia di Brera e quindi alla Pinacoteca al primo piano.

Si parte con Bramante, e il suo Men at arms, passando per il ciclo di affreschi di Giotto, quindi l’opera più rappresentativa della Pinacoteca: il Cristo morto che Mantegna dipinse con una sconvolgente  prospettiva dal basso.

Seguono i maestri del rinascimento veneziano. Tintorio, Veronese, Tiziano, poi il barocco con Caravaggio e la sua Cena in Emmaus dai caratteristici contrasti di luce e ombra.

Non mancano gli stranieri con Rubens, Rembrandt e Van Dyck. E in pieno romanticismo Hayez con il suo Bacio, intenso e luminoso, che è senza dubbio l’opera più riprodotta della Pinacoteca.

Via Brera, 28 – 20121 Milano
Telefono:
+39 02 72263 1
+39 02 72263 264–22
www.pinacotecabrera.org

Apertura:
Martedì:8:30 > 19:15
Mercoledì: 8:30 > 19:15
Giovedì: 8:30 > 22.15 (la biglietteria chiude alle 21.40)
Venerdì: 8:30 > 19:15
Sabato: 8:30 > 19:15
Domenica: 8:30 > 19:15 (biglietteria aperta fino alle 18.40)

Claudia Emilitri © All rights reserved

 

Prenota il tuo soggiorno a Milano

Cerca articolo